Barriere architettoniche

Come superare le barriere architettoniche in un condominio

Per "Barriere Architettoniche" s'intendono tutti quegli ostacoli d'ordine urbanistico ed edilizio che limitano, ed in alcuni casi impediscono, l'accesso alle persone diversamente abili di luoghi pubblici e privati; si identificano essenzialmente in tutti quei dislivelli, scale o altro, che si incontrano lungo i percorsi oppure possono consistere in ostacoli nei passaggi o, ristrettezze di ambienti (marciapiedi, scalini).
La materia trova disciplina nella Legge 9 gennaio 1989, n. 13, intitolata: "Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati"; legge che nel suo complesso si presenta alquanto innovativa, poiché, mentre in passato l'attenzione era particolarmente incentrata sul settore pubblico, edifici, aree e trasporti, con la stessa, oggi, si fa riferimento anche agli edifici privati e quelli destinati ad uso abitativo; con specifica attenzione agli edifici privati di nuova costruzione, agli edifici di edilizia pubblica sovvenzionata ed agevolata di nuova costruzione, alla loro ristrutturazione e, spazi a questi pertinenti.
Destinatari della normativa sono le persone diversamente abili, quindi:

  • portatori di handicap nonché, secondo un estensione analogica, gli anziani ultrasessantacinquenni, che pur non avendo problemi di difficoltà ambulatorie, sono comunque in condizioni fisiche minori;
  • inquilini portatori di handicap che occupano l'immobile in locazione;
  • soggetti esterni frequentatori di uno stabile condominiale;
  • invalidi civili.

Innanzitutto è necessario riconoscere l'opportunità alle persone diversamente abili di muoversi all'interno della propria abitazione senza impedimenti.
La Legge n 13\89 interviene anche in merito stabilendo che, per le innovazioni volte al superamento delle barriere architettoniche (es. realizzazioni di percorsi attrezzati, installazione di dispositivi atti a favorire la mobilità dei ciechi), è lo stesso portatore di handicap che deve avanzare richiesta scritta all'assemblea condominiale, che e' tenuta a deliberare entro il termine perentorio di tre mesi.
In ogni caso, se il condominio rifiuta di assumere le deliberazioni richieste, la persona diversamente abile (o chi e' posto a sua tutela o potestà) può installare a proprie spese quanto necessario per la sua mobilità all'interno del condominio stesso, (come servoscala, ossia piattaforma elettrica mobile che consente al portatore di handicap di raggiungere i piani superiori con la carrozzella, strutture prontamente rimovibili, ascensori) nonché, modificare l'ampiezza di porte.
E' questo un tipo d'intervento che può essere autorizzato dal giudice, seguendo una procedura d'urgenza, ex art 700 cpc. Se, invece, l'assemblea condominiale accorda il suo placet, tutti i condomini devono contribuire alle spese necessarie per gli interventi in misura proporzionale al valore delle rispettive proprietà.
Nel caso in la persona diversamente abili abbia in locazione l'appartamento condominiale, dovrà ottenere il consenso del proprietario ed accollarsi tutte le spese. Tra gli interventi condominiali più frequenti, si colloca senza dubbio, in primis, quello relativo all'istallazione di un ascensore, che di regola richiede, l'effettuazione di scavi, ritenuti leciti anche nel caso in cui incidano sul compossesso dei condomini, poiché connessi alla disciplina dettata dalla Legge n. 13\89 ispirata a ragioni di solidarietà sociale.
Le suddette opere, tuttavia, non possono recare pregiudizio alla stabilità e sicurezza del fabbricato, né tantomeno alterare il decoro architettonico o rendere inservibili parti destinati ad un uso comune oppure al godimento dei condomini (anche se di uno solo).
L'assemblea condominiale non può, seppur a maggioranza, deliberare, ad esempio l'istallazione di un ascensore per favorire un disabile, determinando però un sensibile deprezzamento dell'unità immobiliare di un altro condomino.
Il legislatore ha previsto anche la concessione di contributi a fondo perduto, per la realizzazione di strutture finalizzate all'abbattimento di barriere architettoniche, individuando i soggetti che ne hanno diritto, le opere o gli edifici, nonché tutte le modalità relative alla presentazione della domanda all'autorità amministrativa competente.
Possono presentare la domanda per l'ottenimento del contributo portatori di handicap con menomazioni o permanenti limitazioni motorie; i non vedenti;coloro i quali hanno a carico soggetti con disabilità permanente; i centri preposti all'assistenza dei disabili, nello specifico se il disabile abita in un condominio la domanda , deve essere sottoscritta anche dai condomini per conferma del contenuto e per adesione.
E' opportuno sottolineare che i disabili, soggetti ad una invalidità di tipo totale e, con gravi difficoltà di deambulazione, regolarmente attestata dalla competente autorità, l'ASL di appartenenza, hanno diritto di precedenza nell'assegnazione dei contributi. I contributi possono essere erogati per la realizzazione di opere su parti comuni di un edificio, es. ingresso condominiale, all'interno di un appartamento; per una singola opera, es. realizzazione di una rampa.
Se su un unico intervento possono usufruire più disabili sarà concesso un solo contributo.
Qualora la realizzazione dell'opera non dovesse essere possibile, il contributo può essere utilizzato per l'acquisto di specifiche attrezzature comunque idonee al raggiungimento dello scopo che l'opera stessa avrebbe dovuto perseguire (es. carrozzina montascale in sostituzione di un ascensore).

La domanda va inoltrata in carta da bollo al Sindaco del Comune ove l'immobile è sito, entro il 1° marzo d'ogni anno unitamente a tutta la certificazione medica, dove sono precisate le patologie cui il soggetto e' affetto; in allegato alla domanda si richiede anche un'autocertificazione dove si specifica l'ubicazione dell'immobile e si descrivono succintamente gli ostacoli derivanti dall'esistenza di barriere o dall'assenza di segnalazione.
Presentate le richieste si instaura un vero e proprio procedimento amministrativo relativo:

  • all'accertamento dell'ammissibilità delle domande;
  • alla successiva formazione di un elenco, entro i 30 giorni previsti dalla legge in materia di procedimento amministrativo, che sarà affisso nell'albo pretorio e comunicato alla Regione, unitamente al fabbisogno del Comune stesso. La richiesta del Fondo verrà quindi inoltrata al Ministero dei Lavori Pubblici e, dopo la sua assegnazione sarà la Regione stessa a ripartirlo tra i vari Comuni richiedenti ed interessati.

In Evidenza

Audit civico in sanità 2012-2013

audit lazio 2012 2013



Guida UNICA-copertina

Per ogni utile informazione relativa
ai temi affrontati nella guida e per un servizio di orientamento al cittadino
sui temi della corretta alimentazione
e del consumo alimentare, lo sportello di Cittadinanzattiva (via Cereate 6, Roma)
è attivo nei seguenti giorni e orari:
Tel. 06 367181
da Lun a Ven dalle 10-12 e
dalle 14.30 alle 16.00


Gli altri sportelli sono aperti
nei seguenti giorni e orari
Guida UNICA-tabella-orari


 
gabbianella-logo

ULTIMI ATTI AMMINISTRATIVI E NOSTRI COMMENTI. IN ATTESA DI CHIARIMENTI E INTERVENTI ADEGUATI

Cittadinanzattiva Lazio scrive
al Presidente della Regione Lazio


 trasparenza legalita thumb
 

Richiesta di chiarmenti sulla Proposta di Legge sulle politiche sociali ferma in Commissione

Cittadinanzattiva scrive
al Presidente del Consiglio Regionale


 

Assicurazioni – il caso Sanità nel Lazio

Brochure-Assicurazioni-Sanitarie

Compila la segnalazione online


 
ca-art
 

Presentazione della
“Carta dei principi del sostenitore”
Roma, 15 novembre 2013, ore 10"

clicca qui


 

Presentazione "Cure senza frontiere: da oggi si può?"

la lettara d'invito
il programma


 
Programma regionale Audit civico 2012/13
audit civico lazio 2013 manifesto audit civico lazio 2013 opuscolo
Manifesto Opuscolo
 
Energia
 
 

NON GLIELO ABBIAMO PERMESSO
approfondisci

Cittadinanzattiva Lazio
esprime indignazionee solidarietà in merito all'incredibile vicenda
che sta colpendo la
"casa di Peter Pan"
approfondisci

Per aderire alla campagna
IO STO CON PETER PAN
basta cliccare qui



Aid Your City

 Condividi Su

 

 



Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.