Carta della qualità in Chirurgia

La Carta della qualità in chirurgia si inserisce nell’ambito delle attività di promozione della qualità e della sicurezza che il Tribunale per i diritti del malato da anni persegue e rappresenta una risposta alla questione degli errori nella pratica medica e assistenziale.
La Carta della qualità in chirurgia costituisce la prosecuzione delle campagne promosse negli anni passati: Ospedale Sicuro, Imparare dall’errore, Il percorso chirurgico e i diritti dei cittadini, Per un consenso davvero informato con lo scopo di garantire al cittadino dal momento del ricovero fino alle dimissioni massima qualità e sicurezza, oltre che accoglienza, informazioni, rispetto per le persone e per la loro condizione.
I 54 impegni contenuti nella Carta della qualità in chirurgia sono riassumibili in sette principi: accoglienza, informazione, organizzazione, consenso informato, sicurezza e igiene, innovazione e dimissioni e rappresentano gli aspetti fondamentali che fanno di un reparto un’organizzazione capace non solo di curare, ma soprattutto di “prendersi cura” dei suoi pazienti, consentendo ai cittadini di essere dei soggetti attivi, più consapevoli e capaci di interagire con il personale e la struttura ospedaliera.
Nei reparti che adottano la Carta il cittadino ricoverato potrà contare su un’adeguata accoglienza, avrà a disposizione un medico di riferimento, prima di sottoporsi ad un intervento chirurgico firmerà un consenso informato e sarà tutelato da misure per prevenire l’insorgenza di infezioni ospedaliere. Inoltre al momento delle dimissioni avrà una scheda completa che riporta diagnosi, terapia e decorso, con i numeri di telefono a cui rivolgersi in caso di necessità.
Dopo la realizzazione della Carta l’obiettivo successivo è senz’altro rappresentato dalla diffusione, in tutte le strutture sanitarie del Paese, e dalla sottoscrizione del documento da parte dei reparti chirurgici in modo da garantire un miglioramento della qualità e della sicurezza.
Il progetto è realizzato con il patrocinio di ACOI-Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani e FIASO-Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere, in partnership con Johnson&Johnson Medical.

Sottoscrizione della Carta da parte dei reparti ospedalieri

Per promuovere la sottoscrizione della Carta da parte del maggior numero di reparti ospedalieri, oltre al presente documento, saranno realizzate diverse attività tra le quali l’invio a tutti i direttori generali delle strutture sanitarie di una lettera in cui si presenta il progetto, affinché possano aderire all’iniziativa e sottoscrivere, attraverso i reparti interessati, la Carta della qualità in chirurgia per avviare in questo modo un percorso che mira alla qualità. Inoltre riceveranno il testo della Carta della qualità in chirurgia e infine il modulo di sottoscrizione della Carta con l’autocertificazione dello stato di attuazione dei principi della Carta.

Comunicazione

Tutti i reparti che sottoscrivono la Carta della qualità in chirurgia riceveranno il materiale di comunicazione opportunamente realizzato per diffondere nei reparti i 54 impegni contenuti nella Carta. In particolare ciascun reparto riceverà:
  • congruo numero di copie della Carta della qualità in chirurgia;
  • manifesti di adesione alla Carta;
  • totem visibile nei reparti corredato da una cassetta per la raccolta dei suggerimenti;
  • carte da gioco su cui sono riportati i 54 impegni della Carta.
Inoltre per gli operatori interessati all’iniziativa sarà possibile collegandosi al sito di Cittadinanzattiva (www.cittadinanzattiva.it) compilare il modulo di richiesta/adesione alla Carta.
Sarà predisposto un piano di comunicazione ad hoc per divulgare la diffusione della Carta della qualità in chirurgia.

Monitoraggio

L’articolazione del progetto prevede altresì, nella fase finale, la creazione di una serie di indicatori significativi che, ricavati dalla Carta della qualità in chirurgia, consentiranno ai cittadini di realizzare un monitoraggio e osservare se il reparto che ha sottoscritto la Carta ne garantisce effettivamente il rispetto. A tal proposito, per fornire ai cittadini tutti gli strumenti idonei per svolgere il monitoraggio, sarà predisposta una guida in cui saranno indicate le modalità per la rilevazione degli indicatori.

In Evidenza

Audit civico in sanità 2012-2013

audit lazio 2012 2013



Guida UNICA-copertina

Per ogni utile informazione relativa
ai temi affrontati nella guida e per un servizio di orientamento al cittadino
sui temi della corretta alimentazione
e del consumo alimentare, lo sportello di Cittadinanzattiva (via Cereate 6, Roma)
è attivo nei seguenti giorni e orari:
Tel. 06 367181
da Lun a Ven dalle 10-12 e
dalle 14.30 alle 16.00


Gli altri sportelli sono aperti
nei seguenti giorni e orari
Guida UNICA-tabella-orari


 
gabbianella-logo

ULTIMI ATTI AMMINISTRATIVI E NOSTRI COMMENTI. IN ATTESA DI CHIARIMENTI E INTERVENTI ADEGUATI

Cittadinanzattiva Lazio scrive
al Presidente della Regione Lazio


 trasparenza legalita thumb
 

Richiesta di chiarmenti sulla Proposta di Legge sulle politiche sociali ferma in Commissione

Cittadinanzattiva scrive
al Presidente del Consiglio Regionale


 

Assicurazioni – il caso Sanità nel Lazio

Brochure-Assicurazioni-Sanitarie

Compila la segnalazione online


 
ca-art
 

Presentazione della
“Carta dei principi del sostenitore”
Roma, 15 novembre 2013, ore 10"

clicca qui


 

Presentazione "Cure senza frontiere: da oggi si può?"

la lettara d'invito
il programma


 
Programma regionale Audit civico 2012/13
audit civico lazio 2013 manifesto audit civico lazio 2013 opuscolo
Manifesto Opuscolo
 
Energia
 
 

NON GLIELO ABBIAMO PERMESSO
approfondisci

Cittadinanzattiva Lazio
esprime indignazionee solidarietà in merito all'incredibile vicenda
che sta colpendo la
"casa di Peter Pan"
approfondisci

Per aderire alla campagna
IO STO CON PETER PAN
basta cliccare qui



Aid Your City

 Condividi Su

 

 



Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.